Artisti

Enrico Romanelli

Poeta


Mail:
Sito Web:

Le Poesie:

La Befana
Rega’, che v’ha cacato la Befana
Drento a le calze messe pe’ collana?
Le fiche secche co’ le rosichine,
le marangole e un pacco de pastine, le noce che te sporcheno le mano
le rigolizzie da sugasse piano…
E doppo, affagottata drento a ‘n panno
‘na pupa come quella de l’antr’anno.


Ischia
Ischia principia da le case nove,
poe viene ‘l Poggio Bricco e ‘l Mascherone.
‘L Borgo parte da ‘ndo c’è la croce
Fino a San Rocco,
vicino a le scole.
Nel paese la Rocca è ‘l punto megghio
Poe te tocca passa’ sotto l’orloggio.
P’anna giù pel Didentro c’è ‘na scesa
Che passa proprio davante a la chiesa.


Le maccarone co’ le noce
La pasta fatta ‘n casa mette a coce
pe’ fa’ le maccarone co’ le noce.
Prepara noce e nocchie a pezzettine
Acciacca pure ‘n po’ de mandoline
Mettece ‘n po’ d’uvetta e ‘na manciata
de cannella co’ ‘n po’ de cioccolata.
‘Nzucchera e mischia tutto co’ le mano
E sparpagghielo sopra piano piano
Su la pasta che prima avrae cavato
E coprela co’ tutto ‘l macinato.
Aspetta pe’ magnalla quanno è ghiaccia,
ma troppa no, sennò te s’arinfaccia.


‘L torcigghione
Che Natale sarebbe se al cenone
Nun ce fosse a la fine ‘l torcigghione!
P’aiutavve e pe’ fa’ bella figura
V’emparo a fallo senza ave’ paura.
Capate noce, nocchie e mandoline
(attente: se le scrozzele so’ fine
E ve cascheno dentro casualmente
C’è pricolo de roppese le dente).
Mettete a mollo l’ua passarina,
fate la cioccolata fina fina,
mischiate fiche secche e le cannite
co’ cannella e co’ zucchero acconnite.
Questo che avemo detto adè ‘l ripieno
megghio che sie de più e no de meno.
Pe’ la lansagna so che la sae fa’
E nu c’è gnente che t’ho da ‘mpara’.
Se ‘na cosa però me fermo ‘n pelo:
ha da ese fina fina come ‘n velo!
Poe fa su tutto bvene avvoltolato
Come se fosse ‘n serpo arruncinato.
Quanno è finito tutto, co’ du nocchie
Piantate ne la testa, ghie fae l’occhie.
Sbatte du’ torle p’allustrallo ‘ntorno
Mette ne la lamiera e porta al forno.